INFJ

- IL CONSIGLIERE -

Guidato da un forte senso di integrità, aiuta gli altri ad attraversare le difficoltà.

Eccelle nell'aiutare gli altri ad attraversare le difficoltà. Guidato da un forte senso di integrità, è capace di una grande creatività quando si tratta di risolvere problemi. Tende ad essere spirituale ed è estremamente curioso.

L’acronimo INFJ sta per:

  • Introverso
  • INtuitivo
  • emotivo (Feeling)
  • giudicante (Judging)

Gli individui INFJ hanno un temperamento introverso, percepiscono il mondo che li circonda attraverso l’intuizione (anziché attraverso i sensi) e prendono decisioni basandosi sui sentimenti (anziché su ragionamenti e logica).

Essendo un tipo J (giudicante), l’INFJ tende a manifestare palesemente la propria preferenza di tipo F, difendendo energicamente le sue opinioni, specialmente quando si parla di prendere decisioni.

Il Tipo INFJ è il Tipo di personalità più raro, ammontando ad un totale di circa l’1% della popolazione.

Il carattere degli INFJ

Gli INFJ sono estremamente intuitivi.
Loro naturale reazione ad ogni evento esterno è di immaginarne le conseguenze.
Per questo tendono a perdersi nei loro pensieri.

Da piccoli dimostrano di avere una mente logica e non sono particolarmente socievoli.
Sono molto perspicaci e possono apparire più intelligenti degli altri bambini.

Crescendo, maturando l’abilità di capire e “leggere” le persone. Sviluppano interesse nell’aiutare gli altri per migliorare la società, le condizioni di vita e lo “stato emotivo” di tutti coloro che li circondano.

Alcuni INFJ famosi...

Lo Stack cognitivo

Funzioni cognitive INFJ

PosizioneINFJ
1Primaria / Dominante / EroeNi
2Secondaria / Ausiliaria / Genitore buonoFe
3Terziaria / BambinoTi
4Inferiore / AspirazionaleSe
5OpponenteNe
6Genitore CriticoFi
7TruffatoreTe
8Demone / TrasformativaSi
Non sai cosa sia di preciso lo stack cognitivo?
Clicca qui per scoprirlo.

Il superpotere degli INFJ

Hanno eccellenti capacità di sintesi che li rende in grado di individuare l’essenza delle cose e di convertire complessi concetti in una forma più semplice che possono poi condividere con gli altri.

Gli INFJ hanno una forza di volontà fuori dal comune e sono capaci di immaginare conseguenze a lungo termine, soprattutto per situazioni che coinvolgono altre persone (piuttosto che sistemi).
Tipicamente, l’individuo INFJ eccelle nel prendersi cura degli altri.

Gli INFJ sono molto emotivi ed empatici. Allo stesso tempo sono in grado di sviluppare solidi ragionamenti logici.
Hanno un talento innato per ascoltare gli altri ed aiutarli a risolvere i loro problemi.

A differenza degli ISFJ, l’abilità degli INFJ non si limita all’ascolto ed al supporto morale, ma è estesa dall’intuizione e li rende capace di guidare gli altri ad individuare un percorso di crescita ottimale.

Le debolezze degli INFJ

Dato che la loro naturale reazione ad ogni evento esterno è di immaginarne le conseguenze, gli INFJ spesso tendono a perdersi nei loro pensieri.

Nel risolvere un problema, spesso gli INFJ tralasciano dettagli importanti e finiscono per commettere errori grossolani ed imbarazzanti.
Questo è un effetto collaterale della loro intuizione, che li porta a cominciare a lavorare alla risoluzione del problema prima di aver acquisito tutte le informazioni necessarie.

Un INFJ “maturo” sà che deve sempre ricontrollare le sue conclusioni, specialmente per quanto riguarda i fatti e le ipotesi assunte in partenza.

Gli INFJ hanno una pessima attenzione per i dettagli.
Hanno anche una pessima memoria, dovuta probabilmente al fatto che sono quasi sempre distratti a causa del processo intuitivo non si spegne mai nella loro testolina.

Infine, l’individuo INFJ ha bisogno di libertà e può trovarsi in situazioni dove le limitazioni imposte dalla società gli vanno molto strette.
Questo può creare problemi, specialmente in ambito lavorativo o in qualunque altro caso dove l'INFJ non sia libero di fare a modo suo.

Essendo il tipo di personalità più raro, gli INFJ sono spesso incompresi.
Sono incompresi anche da loro stessi e, molto spesso, si sentono frustrati perché hanno un innato desiderio di essere estroversi.

La probabilità che un INFJ finisca in una relazione difficile, tossica o abusiva è del 70%

Le relazioni degli INFJ

Come tutti gli altri tipi di personalità, gli INFJ hanno un livello di compatibilità diversa con ciascuno dei 16 tipi.

Scegliendo senza un preciso criterio, la probabilità che un INFJ trovi la sua anima gemella è inferiore all'8%.

Per una compatibilità perfetta, l'INFJ ha bisogno di trovare un partner la cui attenzione sia rivolta verso il futuro e dotato di una forte dirittura morale.

Senza una guida, la probabilità che un INFJ finisca in una relazione difficile, tossica o abusiva è del 70%.

Se ti interessa sapere di più su come trovare la relazione perfetta, clicca sul bottone qui sotto e visita la pagina "Compatibilità e Relazioni".

Le 4 parti della mente di un INFJ

Secondo una recente teoria di J.Beebe, ogni individuo ha accesso a 4 Tipi di personalità.

In pratica, la nostra mente è composta da 4 parti distinte, ognuna collegata ad un tipo di "coscienza" diversa:

  • Ego;
  • Subconscio;
  • Inconscio;
  • Super.Ego.

Di queste 4 parti, due sono estroverse e due sono introverse...

Quindi, indipendentemente da quale sia la il tuo tipo di personalità dominante, puoi sempre accedere facilmente ad almeno un altro Tipo con un temperamento diverso.

NOTA: questo spiega perché ci comportiamo in modo diverso in circostanze diverse o in presenza di persone con le quali abbiamo un diverso grado di confidenza!

Quando parliamo di un Tipo INFJ, ci riferiamo alla sua personalità dominante: l'Ego.

Queste sono le 4 parti della mente di un INFJ

INFJ

Ego

ESTP

Subconscio

ENFP

Inconscio

ISTJ

Super.Ego

Questo significa che, in alcune situazioni, un individuo INFJ esibirà caratteristiche tipiche di individui ESTP, ENFP, o ISTJ.

Significa inoltre che un INFJ si estroverge in un ESTP o in un ENFP... non in un ENFJ !!!

Un INFJ si estroverge in un ESTP o in un ENFP... non in un ENFJ !!!

La personalità del Subconscio ESTP può essere "indossata" a comando, di solito in situazioni dove l'individuo INFJ ha a che fare con estranei e non si sente abbastanza confidente.

La personalità dell'Inconscio ENFP emerge spontaneamente ogni qualvolta l'individuo INFJ si trova in difficoltà o ha necessità di essere iper-critico.

NOTA: nell'ambiente di lavoro, tutti tendiamo a mostrare di più il nostro lato inconscio.

In genere, la personalità dell'Ego Superfluo si manifesta molto raramente.
Un INFJ equilibrato non si dovrebbe mai comportare come un ISTJ.

Per ridurre lo stress e vivere una vita felice è importante operare il più possibile nei limiti del nostro Ego.

Pensieri di un INFJ...

Il vero mondo è dentro la mia testa.
L’immaginazione è il ponte verso il mondo. Se puoi immaginare qualcosa, allora esiste.
La difficoltà sta nel tenere a bada il mio mondo interiore abbastanza da vivere nell’altro, quello “reale”.
Voglio dire, se ci pensi, non abbiamo prove che io, o tu, o chiunque altro esista veramente.
Esiste qualcosa di realmente “vero” nel senso definitivo del termine?
Oppure ciò che consideriamo la “Verità” non è che uno dei tanti modi di vedere, vivere le cose, senza una validità superiore a qualsiasi altra cosa?
Mi piacciono i sogni, i sogni sulla vita: mi piace osservarli, viverli tutti, guardarli da varie prospettive.
Cerco di non prendere nessuna definizione di “vero” troppo seriamente, perché perderei l’abilità di considerare anche il resto. dialogo interno di un INFJ

Gli INFJ in dettaglio

Gli INFJ sono sia creativi che responsabili, sia artistici che logici, sia spirituali che scientifici, sia intuitivi che analitici.

Essendo il Tipo psicologico più raro, gli INFJ crescono sentendosi "diversi".
Rispetto agli altri Tipi sono molto più introspettivi.

Come conseguenza della loro introspettività, crescono con piú saggezza della media dei loro coetanei.
Alcuni si sentono anche piú saggi dei loro insegnanti o genitori.

Già ad un'età straordinariemente giovane, possono assumere il ruolo di consiglieri per i loro amici e fratelli, o anche per i membri adulti della loro famiglia.

Come gli INTJ, gli INFJ hanno fiducia nei loro giudizi e nelle loro “visioni”.

Spesso hanno sogni o delle intuizioni che possono sembrare quasi premonitrici.
Agli altri dopo un iniziale scetticismo possono sembrare profetici o con qualità psichiche, o quantomeno molto percettivi.

Gli INFJ vedono due persone in ciascuno.
Notano la persona pubblica, ciò che appare esteriormente, che tutti vedono. Ma non si fermano qui.

Le funzioni Se e Fe riescono ad assimilare tutti i sottili indizi non verbali che sono poi sintetizzati e interpretati dalla Ni.
Questo fornisce una quantità di informazioni sul mondo interiore delle persone che è completamente ignoto agli altri tipi.

A causa di questo, raramente gli INFJ si lasciano ingannare dalle menzogne.
Vedono facilmente oltre le apparenze e comprendono le profonde motivazioni e intenzioni della gente, compresi eventuali problemi e disturbi dell’altro.

Spesso, riescono a capire le altre persone meglio di quanto queste si auto-comprendano!

Sono incredibilmente dotati per aiutare gli altri a trovare la loro vocazione e a risolvere i loro problemi.

Come gli INTJ, gli INFJ sono riluttanti a credere alle opinioni condivise dalla maggioranza.
Sono spesso gli ultimi a leggere un bestseller, sentendo che se gli altri pensano che sia un bel libro, allora probabilmente non lo è.

Cadono piú facilmente di altri tipi nelle teorie del complotto (insieme agli INT).

Un errore comune quando si pensa agli INFJ è che essendo sentimentali non siano interessati ad ambiti intellettuali.
Niente di piú falso. Anzi, molte delle persone piú interessate alla cultura e all’intelletto sono INFJ.

Rivaleggiano con gli INT nel loro livello di apertura mentale e fame di sapere.
Sotto alcuni aspetti, riescono persino a superare gli INT per l’interesse sia nella scienza che nella letteratura, nella prosa e nella poesia, nella narrativa e in ciò che non lo è.

Nonostante siano profondamente teoretici, sono meno impressionati dalle teorie costruite come un semplice assemblaggio di fatti o dati.
Piú che orientati ai fatti, sono orientati alle connessioni e al conciliare gli opposti con la loro intuizione.

Sentono che tutto è in qualche modo collegato a tutto il resto, formando una vasta rete di interconnessioni.

Non sentono il bisogno di consultare fonti esterne quando si tratta di capire la verità.
Non si affidano ad un metodo preesistente come farebbero altri tipi.

Il mondo interiore degli INFJ ricorda il mondo esteriore degli ENFP.
È colorato, gioioso, allegro, pieno. Pensano ad immagini.

Sono puristi e classicisti.
Molti amano collezionare antiquariato, artefatti storici, libri antichi, arte rara, qualsiasi cosa soddisfi il loro gusto di ciò che sentono come puro o classico.

Si sentono spesso affascinati da un preciso periodo storico, o un preciso genere di musica, o una piccolissima selezione di attori, scrittori.
Preferiscono un classico che un nuovo bestseller.

Nonostante quanto detto fino ad ora, gli INFJ non sono particolarmente seriosi, puntigliosi, altezzosi.
Amano passare del tempo con gli altri, ascoltare musica e guardare film.
Ma piú di ogni altra cosa, amano fare una conversazione ricca di significato.

Molti INFJ hanno problemi con la depressione, che può essere collegata a vari fattori.

Ad esempio si deprimono quando sentono che la loro ispirazione creativa li ha abbandonati.
Oppure perché si sentono soli e non compresi.
Oppure perché non sono soddisfatti dalla carriera o dalle relazioni.

Possono sognare di avere una bellissima casa adornata con bellissimi manufatti ma avere un lavoro sottopagato.

Quando hanno bisogno di "pensare" a qualcosa, questo pensare è in gran parte inconscio, e ad un certo punto la risposta sembra provenire dal nulla.
Si preoccupano dei bisogni degli altri e di mantenere l’armonia nell’ambiente esterno.

Si preoccupano molto di questioni umanitarie, sociali o morali, con particolare riguardo alla famiglia e gli amici piú intimi.

Spesso sacrificano i propri bisogni per il bene altrui.
Empatizzano molto con gli altri ricreando in se stessi lo stato emotivo altrui.

Hanno piú difficoltà a comprendere le proprie emozioni.
Hanno quindi spesso bisogno del supporto altrui quando sono emotivamente turbati.

Spesso non comprendono completamente che cosa gli dice l’intuizione finché non hanno l’opportunità di esprimersi a parole con qualcun'altro.
Potrebbero avere un’impressione, una sensazione viscerale, ma il contenuto dell’intuizione rimane nebuloso finché non è espresso agli altri (tramite Fe).

In vasti gruppi possono apparire come molto caldi e focalizzati sull'armonia del gruppo.

Molti INFJ hanno un gran senso dell’umorismo e possono essere molto divertenti.

Sono grandi intrattenitori e narratori per il loro pensare ad immagini.
Quando sono con gli amici intimi invece sono piú diretti con le loro emozioni.

Si sentono anime in pena, lunatici, pessimisti, scontenti o senza riposo.
Possono essere molto intensi nella loro comunicazione.

Spesso gli INFJ indulgono nel sentirsi vittime, perché la vita è ingiusta, tutto finisce male, ecc.

Alcuni non riescono a mentire, poiché l'espressione autentica è il loro modo naturale di operare.
Esprimersi tramite Fe è critico per la loro salute psicologica e fisica.

Anche se non serve ad una soluzione immediata, si sentono meglio dopo aver espresso i loro sentimenti, tramite parole o lacrime.
È molto importante per i compagni o amici degli INFJ riconoscerlo.

Gli INFJ spesso non si aspettano che gli altri risolvano i loro problemi, ma semplicemente che offrano supporto, empatia, rassicurazione.
Senza questo, gli INFJ si sentono isolati e depressi, fuggendo nel loro mondo interiore e fantastico.

Un problema tipico è il conflitto tra ciò che pensano e l’armonia esterna.

Ad esempio a scuola potrebbero ritenere falso o stupido ciò che dice l'insegnante o un compagno, ma vogliono comunque mantenere una situazione armonica.

Gli INFJ sono i piú perfezionisti tra i tipi psicologici.
Sfortunatamente, spesso sentono che le loro visioni idealiste difficilmente possono funzionare nella rocciosa, fissa realtà.
È difficile per gli INFJ accettare che questi ideali cosí forti e importanti non possono realizzarsi, e non si accontentano di niente di meno di quello che sentono essere giusto. Ciò che per altri può essere un parziale successo, per gli INFJ è un totale fallimento.

Per riconciliare gli ideali con l’accettare un risultato non esattamente perfetto, gli INFJ hanno due possibilità.

La prima è di essere dei “produttori” di ideali senza essere coinvolti direttamente nella loro realizzazione.

Questo soddisfa la Ni, ma non il desiderio del cambiamento esteriore.
Chi lavorerà nell’educazione, la ricerca, l’amministrazione, la scrittura o l’arte, si abituerà a generare idee senza pensare immediatamente all’implementazione.

La seconda opzione è di lavorare attivamente nell’attuare i propri ideali provando ad accettare qualcosa di meno della perfezione.

Questa opzione può soddisfare il desiderio della Se di un risultato tangibile ma è incredibilmente frustrante per l’idealismo della Ni.

Inoltre ci sono altre questioni.
Quand’è che un risultato è “abbastanza buono”? Gli INFJ sono molto duri con sé stessi.

Se non possono raggiungere l’ideale che vogliono, allora perché aspettarselo dagli altri?
E se i loro ideali non si realizzeranno mai, perché preoccuparsene?

Se non mantengono la speranza nei loro ideali, gli INFJ possono sentire di non avere ragione di vivere.
Per questo è molto importante per loro agire perfettamente.

Hanno un rapporto di amore odio con le cose materiali.
Amano essere circondati da ambienti bellissimi, affascinati da ciò che è elegante.

Amano viaggiare, o l’opera o le sinfonie, o un piatto ricercato.

Allo stesso tempo hanno un continuo bisogno di svalutare l’importanza delle “cose” nelle loro vite.
Si sentono in dovere di badare a ciò che è piú “alto”.
Criticano gli altri per il materialismo.

Il loro bisogno di essere anticonvenzionali può portarli a rifiutare il matrimonio e la famiglia poiché sono istituzioni socialmente costruite per le persone meno riflessive.

Nei momenti di estrema debolezza possono essere catturati dall’inconscio e dalla sensazione estroversa.
In questo caso possono cadere nella droga, l’alcol, il sesso, vacanze stravaganti, shopping compulsivo per soddisfare questa brama inconscia.

Uno dei maggiori problemi degli INFJ è che devono imparare ad apprezzare il momento presente per come arriva.
Anziché continuare a interrogarsi e pianificare il futuro, devono capire come aspettare quello che succederà.

Tramite un cambio di prospettiva impareranno ad apprezzare i piaceri semplici dell’esistenza che avevano ignorato e disprezzato in precedenza.
Agli inizi questa strada apparirà insipida, priva di significato.

Si chiedono se cosí tutti i grandi sogni e piani saranno vani e se dovranno vivere un’esistenza ordinaria.
Gli INFJ possono spendere interi anni per imparare a vivere sul momento prima di riuscire a farlo in modo maturo.

La funzione dominante degli INFJ

La funzione dominante è responsabile per il comportamento spontaneo di un individuo ed è intimamente legata al suo superpotere.
Tutte le cose che ci vengono naturali o per le quali "siamo portati" sono generalmente dominio della funzione dominante.

La funzione dominante degli INFJ è l'Intuizione Introversa (Ni), che condividono con gli INTJ.
La funzione Ni dominante è la più rara, e come tale la più incompresa.

Essenzialmente gli INxJ vivono con la testa proiettata nel LORO futuro.
Questo li rende particolarmente "assenti" durante la maggior parte del tempo.

La differenza rispetto ad una Ne dominante (che troviamo negli ENxJ) è che quest'ultima, essendo estroversa, tende and includere gli altri nelle sue "simulazioni".
Per questo, chi usa Ne rimane in qualche modo sempre consapevole di che cosa accade intorno a lui.

Al contrario, gli INxJ si lanciano in simulazioni mentali che sono completamente disconnesse dal presente.

Il "problema" più grosso della Ni è che è molto veloce e completamente incontrollabile.
Questo significa che gli INxJ si "assentano" ancor prima che il flusso dei dati sia terminato.

In altre parole, gli INxJ (specialmente gli INTJ) tendono ad arrivare a conclusioni prima di avere in mano tutti i fatti.
Questa tendenza è estremamente frustrante per loro e devono imparare a conviverci, a rallentare il loro "trarre le somme".

Per gli INFJ questo risulta in qualche modo più semplice, perché la loro Fe ausiliaria li tiene connessi alle persone.
Gli INTJ devono invece imparare a mordersi la lingua e a rivedere le ipotesi (e i fatti da cui sono partiti) prima di aprire bocca.

La funzione Ni regala capacità di sintesi e la "percezione" innata di come funzionano le cose.

Gli INxJ sono capaci di guardare un oggetto o un meccanismo (anche un sistema) e di capire, senza alcuno sforzo, come è costruito e come funziona.

Inoltre, sono capaci di rimuovere tutte le informazioni superflue mantenendo soltanto l'informazione essenziale a descrivere l'oggetto (sistema, meccanismo, ...) ed il suo funzionamento... da qui la capacità di sintesi.

Sono imbattibili nel comprendere sistemi complessi e scomporli in concetti più semplici per spiegarli agli altri.

Dulcis in fundo, Ni conferisce agli INxJ un'enorme forza di volontà... per la quale devono però pagare il prezzo di un'enorme necessità di indipendenza ed autonomia.

Entrambi gli aspetti (forza di volontà ed indipendenza) sono legati alla capacità di immaginare con estrema chiarezza il loro futuro.
Infatti, la loro "visione" è spesso così chiara e tangibile che non hanno problemi a muovere montagne per farla diventare una realtà... ed ovviamente tutto questo richiede la possibilità di agire in completa indipendenza.

La funzione secondaria degli INFJ

La funzione secondaria è responsabile per il comportamento critico di un individuo ed è intimamente legata al suo superpotere.
Tutti gli atteggiamenti critici o di avversione al rischio sono generalmente causati della funzione secondaria.

Il Sentimento Estroverso (Fe) è la funzione secondaria degli INFJ, quella che principalmente si occupa di controbilanciare l’azione e i giudizi della dominante Ni.

Gli INFJ sono emotivi e si interessano molto agli altri, specialmente per quanto riguarda i sentimenti e le necessità emotive altrui.

La loro attenzione ai sentimenti è di tipo critico, diversa da quella degli ExFJ.
Infatti loro non ingaggeranno con le persone spinti da un desiderio di connessione, piuttosto si avvicineranno preoccupandosi che tutti stiano bene e che nessuno sia trascurato, offeso, o in pena.

Di conseguenza, specialmente con gli estranei, tendono ad essere formali sebbene affabili.
Con gli amici si aprono di più, mostrando la loro vera natura emotiva.

Sono molto empatici, e per loro è più facile capire le emozioni altrui piuttosto che le proprie.
Per questo motivo, quando hanno dei problemi, spesso cercano supporto e guida dagli altri.

Inoltre, la funzione ausiliaria è fondamentale per la loro naturale inclinazione all’insegnamento.
Infatti, mentre la funzione dominante (Ni) dà loro la convinzione e una visone sulle cose da fare, il sentimento estroverso (Fe) riesce ad esprimere il tutto in modo chiaro e facilmente recepibile dagli altri.

Va da sè che gli ISFJ prederiscono parlare di sentimenti ed emozioni che di idee o teorie.
Tuttavia, a causa della loro Ni dominante, sono in grado di intrattenere discorsi teorici a lungo (a differenza degli ISFJ).

La funzione terziaria degli INFJ

La funzione terziaria è responsabile per il comportamento spontaneo ed ingenuo di un individuo ed è sia un forte tratto caratteriale che una debolezza.

Il Pensiero Introverso (Ti) è la funzione terziaria degli INFJ.

Quando hanno la necessità di formulare un ragionamento, gli IxFJ utilizzano la logica, in un processo mentale deduttivo.

In questo caso, la logica viene utilizzata in modo positivo, genuino, quasi infantile, per far senso delle informazioni che acquisiscono e mantenere le loro esperienze organizzate in un modello decisionale basato su "vero o falso".

Certamente non posseggono un equipaggiamento mentale tale da competere con i superutenti Ti (xxTP).

Il lato logico degli IxFJ diventa evidente quando si contraddice uno dei principi di "verità" in cui credono... o se li si attacca dichiarandoli poco intelligenti.

La funzione inferiore degli INFJ

La funzione inferiore è responsabile per le insicurezze di un individuo e per le sue più intime aspirazioni.
E' tale funzione che spesso ci ispira al cambiamento... cambiamento che però non sempre genera risultati con i quali siamo contenti.

La funzione inferiore degli INFJ è la Sensazione Estroversa (Se).

A causa della loro velocissima Ni, gli INxJ hanno una pessima attenzione per i dettagli.
Non è che non li vedano, è che proprio non ci provano nemmeno!

Essendo la loro mente assente per la maggior parte del tempo, tutto quello che è legato alla sfera dei sensi viene enormemente trascurato.

Gli INxJ impareranno (a forza di prendere testate nel muro) che a volte i dettagli sono importanti e vale la pena di rallentare per vederli ed apprezzarli.

Allo stesso modo, gli INxJ (specialmente gli INTJ) hanno grossi problemi di memoria... semplicemente perché non prestano abbastanza attenzione a cosa accade intorno a loro.

In fatto di esperienze, gli INxJ non sono molto avventurosi.
Gli piace avere una routine... perché hanno cose da fare e non possono certo interrompere il loro pensare per andare a fare qualche attività insignificante.

...o questo almeno è quello che dicono a sé stessi.

Di fatto, amano fare esperienze... ma per loro è molto faticoso "spengnere" la Ni che li tiene così tanto occupati.
Per gli INxJ, immergersi in esperienze sensoriali è un modo eccellente per dare un po' di riposo al loro povero cervello che viene sempre usato in overdrive.

Disturbi funzionali

Il Loop degli INFJ

Il "loop" consiste nella atrofizzazione (o il mancato sviluppo) della funzione ausiliaria.
L'atrofizzazione può essere momentanea (generalmente collegata a stress) o permanente (segno di disturbi psicologici più gravi).

Quando è in loop, l'individuo INFJ si ritrova a navigare la realtà con due funzioni introverse (Ni ed Ti) e praticamente nessuna funzione introversa a fungere da freno.

In un individuo INFJ equilibrato, la funzione estroversa Fe agisce da arbitro tra le funzioni introverse Ni ed Ti, filtrando e rallentando i loro effetti.
In un loop, questo equilibrio si spezza.

Gli effetti del loop si presentano in modo simile per gli INFJ (Ni-Ti) e gli ISTP (Ti-Ni).

Quando l'INFJ si blocca nel loop Ni-Ti, perde di vista il fatto che ci sono persone intorno lui che contano sul suo aiuto.

L'assenza della funzione estroversa Fe porta ad una forte introversione e l'individuo tende ad isolarsi, rifugiandosi nella propria mente.

In questo stato mentale, l'INFJ trascorre tutto il suo tempo a pensare e ad analizzare le cose, invece che a connettere con gli altri come è solito fare.

Di fatto, la loro Ni li tiene inchiodati nel loop.
Si immaginano infatti conseguenze catastrofiche per le loro azioni e diventano incapaci di decidere quale sia la corretta strada da prendere.

Diventano ossessivi continuano a prevedere esiti negativi per qualsiasi soluzione possano immaginare.
Questa paura inibisce l'azione e li tiene intrappolati in una una spirale di pensieri ossessivi.

Come uscire dal loop
L'unico modo per uscire dal loop è concentrarsi sulle funzioni che vengono trascurate.
L'INFJ ha bisogno di avvicinarsi al mondo estroverso, ovvero ripristinare l'utilizzo della funzione Ni e ricominciare a fare affidamento sugli stimoli esterni.

Per uscire dal loop, l'INFJ ha bisogno di ricordarsi che ha un futuro da vivere e che ci sono altre persone che hanno bisogno di lui.
Deve distrarsi dal pensare e dall'autocriticarsi.

E' salutare riconnettere con amici e persone fidate ed interagire con loro focalizzando sulle esigenze altrui, piuttosto che sui propri problemi.

Parlare di sentimenti, emozioni, può aiutare l'indivuduo INFJ a riconnettere con la sua Fe ed interrompere il loop.

Il Grip degli INFJ

Il "grip" consiste in un tentativo di affrontare le situazioni utilizzando la funzione inferiore come se fosse l'unico strumento disponibile.
Da non confondere con l'uso aspirazionale della funzione inferiore, il grip è un tentativo (di solito disperato) dai risultati deleteri per l'individuo e per la situazione in questione.

Un INFJ stressato ed in grip, si comporterà come un ESTP malsano (il suo Subconscio).

L'INFJ in grip tralascerà completamente il considerare le conseguenze del suo comportamento.

Diventerà spericolato, possibilmente arrogante.
Potrà ingaggiare in un comportamento edonistico, ricercando semplice piacere fisico per il puro gusto di farlo.

Potrà focalizzare la sua attenzione su costosi oggetti di lusso o potrà diventare ossessionato dalla sua immagine.

Inoltre, si comporterà come una star e tenderà ad attirare l'attenzione... in modo a volte stupido e ridicolo.

Nessuno di questo comportamenti è utile... per cui questo è davvero un grip pericoloso.

Pensi di essere un INFJ?

Fai il nostro test per fugare ogni dubbio...

Vai al Test