ISFJ

- IL DIFENSORE -

Onesto e leale. Protegge gli altri dalle asperità della vita.

Eccelle nel prendersi cura degli altri. Onesto e leale, legato alle tradizioni e alle regole della società. Pratico e compassionevole. Motivato a provvedere per gli altri e a proteggerli dalle asperità della vita.

L’acronimo ISFJ sta per:

  • Introverso
  • Sensitivo
  • emotivo (Feeling)
  • giudicante (Judging)

Gli individui ISFJ hanno un temperamento introverso, percepiscono il mondo che li circonda attraverso l’intuizione (anziché attraverso i sensi) e prendono decisioni basandosi sui sentimenti (anziché su ragionamenti e logica).

Essendo un tipo J (giudicante), l’ISFJ tende a manifestare palesemente la propria preferenza di tipo F, difendendo energicamente le sue opinioni, specialmente quando si parla di prendere decisioni.

Il Tipo ISFJ è il Tipo di personalità più diffuso, ammontando ad un totale di circa il 14% della popolazione.

Il carattere degli ISFJ

Gli ISFJ sono super organizzati.
Amano tenere ogni cosa al suo posto ed tendono a vivere una vita ben strutturata.

Da piccoli dimostrano di avere una mente logica e non sono particolarmente socievoli.
Preferiscono stare in disparte ed hanno bisogno di prendere il loro tempo per digerire le informazioni che ricevono dal mondo esterno.

Crescendo maturando l’abilità di capire e “leggere” le persone. Sviluppano interesse nell’aiutare gli altri per migliorare la società, le condizioni di vita e lo “stato emotivo” di tutti coloro che li circondano.

Alcuni ISFJ famosi...

Lo Stack cognitivo

Funzioni cognitive ISFJ

PosizioneISFJ
1Primaria / Dominante / EroeSi
2Secondaria / Ausiliaria / Genitore buonoFe
3Terziaria / BambinoTi
4Inferiore / AspirazionaleNe
5OpponenteSe
6Genitore CriticoFi
7TruffatoreTe
8Demone / TrasformativaNi
Non sai cosa sia di preciso lo stack cognitivo?
Clicca qui per scoprirlo.

Il superpotere degli ISFJ

Gli ISFJ seguono le regole, hanno una memoria di ferro e sono molto leali. Hanno inoltre un talento innato per ascoltare gli altri ed aiutarli a risolvere i loro problemi.

Gli ISFJ sono molto emotivi ed empatici. Allo stesso tempo sono in grado di sviluppare solidi ragionamenti logici.

Tipicamente, l’individuo ISFJ eccelle nel prendersi cura degli altri, ascoltandoli ed assicurandosi che le loro necessità emotive siano soddisfatte.
E’ motivato a provvedere per gli altri e a proteggerli dalle asperità della vita.
E’ onesto e leale, legato alle tradizioni e alle regole della società.
E’ pratico e compassionevole.

Le debolezze degli ISFJ

A causa del loro forte attaccamento alle regole e a ciò che la società si aspetta da un buon cittadino, gli ISFJ possono ritrovarsi a vivere una vita piatta e basata su una routine che non sono disposti a cambiare.

Hanno difficoltà ad accettare cambiamenti nella loro vita e possono avere difficoltà ad iniziare nuovi progetti.

L’individuo ISTJ può avere la tendenza ad essere troppo attento alle esigenze degli altri, al punto da trascurare le proprie.
Inoltre, può accadere che qualcuno cerchi di trarre vantaggio dalla disponibilità dell’ISFJ.

Gli ISFJ sono molto attenti alle sensazioni, sia fisiche che emotive.
Per questo motivo, a volte si dimostrano molto esigenti in amore (pretendono una buona esperienza).

La probabilità che un ISFJ finisca in una relazione difficile, tossica o abusiva è del 55%

Le relazioni degli ISFJ

Come tutti gli altri tipi di personalità, gli ISFJ hanno un livello di compatibilità diversa con ciascuno dei 16 tipi.

Scegliendo senza un preciso criterio, la probabilità che un ISFJ trovi la sua anima gemella è inferiore al 9%.

Per una compatibilità perfetta l'ISFJ ha bisogno di trovare un partner ben ancorato nel presente e con una forte dirittura morale.

Senza una guida, la probabilità che un ISFJ finisca in una relazione difficile, tossica o abusiva è del 55%.

Se ti interessa sapere di più su come trovare la relazione perfetta, clicca sul bottone qui sotto e visita la pagina "Compatibilità e Relazioni".

Le 4 parti della mente di un ISFJ

Secondo una recente teoria di J.Beebe, ogni individuo ha accesso a 4 Tipi di personalità.

In pratica, la nostra mente è composta da 4 parti distinte, ognuna collegata ad un tipo di "coscienza" diversa:

  • Ego;
  • Subconscio;
  • Inconscio;
  • Super.Ego.

Di queste 4 parti, due sono estroverse e due sono introverse...

Quindi, indipendentemente da quale sia la il tuo tipo di personalità dominante, puoi sempre accedere facilmente ad almeno un altro Tipo con un temperamento diverso.

NOTA: questo spiega perché ci comportiamo in modo diverso in circostanze diverse o in presenza di persone con le quali abbiamo un diverso grado di confidenza!

Quando parliamo di un Tipo ISFJ, ci riferiamo alla sua personalità dominante: l'Ego.

Queste sono le 4 parti della mente di un ISFJ

ISFJ

Ego

ENTP

Subconscio

ESFP

Inconscio

INTJ

Super.Ego

Questo significa che, in alcune situazioni, un individuo ISFJ esibirà caratteristiche tipiche di individui ENTP, ESFP, o INTJ.

Significa inoltre che un ISFJ si estroverge in un ENTP o in un ESFP... non in un ESFJ !!!

Un ISFJ si estroverge in un ENTP o in un ESFP... non in un ESFJ !!!

La personalità del Subconscio ENTP può essere "indossata" a comando, di solito in situazioni dove l'individuo ISFJ ha a che fare con estranei e non si sente abbastanza confidente.

La personalità dell'Inconscio ESFP emerge spontaneamente ogni qualvolta l'individuo ISFJ si trova in difficoltà o ha necessità di essere iper-critico.

NOTA: nell'ambiente di lavoro, tutti tendiamo a mostrare di più il nostro lato inconscio.

In genere, la personalità dell'Ego Superfluo si manifesta molto raramente.
Un ISFJ equilibrato non si dovrebbe mai comportare come un INTJ.

Per ridurre lo stress e vivere una vita felice è importante operare il più possibile nei limiti del nostro Ego.

Pensieri di un ISFJ...

Sembra talmente ovvio che mi pare stupido doverlo dire, ma le cose vanno piú agevolmente, con equilibrio, se sai esattamente cosa stai facendo.
Non c’è niente come avere la tua mappa personale, privata, su come fare le cose.
Piú studio e lavoro nelle aree a cui sono interessato, piú sviluppo l’abilità di connettere le mie esperienze a tutto il resto che ho fatto, e il processo cresce e cresce.
Non è neanche mia intenzione fare in modo che sia cosí... semplicemente so cosa mi piace, cosa mi mette a mio agio e cosa no, e so che piú pianifico la mia vita in modo da occuparmi del lavoro in aree in cui ho confidenza, e piú facilmente avrò successo e piú le informazioni e le abilità che avrò saranno in profondità e specializzate.
Penso che una delle mie forze maggiori sia che so in cosa sono bravo e, soprattutto, in cosa non sono bravo, e ho il buon senso di sapere quando evitare queste ultime.
Non capisco perché la gente insista azzardatamente a cimentarsi in cose in cui non hanno la minima idea di come comportarsi.
Che senso ha? Se non sai cosa stai facendo, sei destinato al fallimento! dialogo interno di un ISFJ

Gli ISFJ in dettaglio

In primo luogo, gli ISFJ, come i loro cugini ISTJ, si interessano molto nel preservare e proteggere i modi passati di fare le cose.
Generalmente crescono molto legati alla routine e alle cose familiari, che danno loro sicurezza e stabilità.

Agli ISFJ piace sapere cosa aspettarsi dal futuro.
Vogliono conoscere "il piano" e non apprezzano le sorprese.
Trovano che l’incertezza e l’ambiguità siano destabilizzanti.

Più faranno qualcosa in una certa maniera, più sarà difficile far loro provare nuove cose.
Difficilmente rischiano o si fanno trascinare dagli impulsi. Hanno bisogno di un'esperienza propria o altrui sulla quale basarsi con certezza.

In ogni caso, raramente si comportano diversamente dalle proprie abitudini.
Preferiscono avere un piano ben preciso sul futuro, sulle cose da fare e sulle relazioni.
Sono tipicamente “persone di casa”.

Lo stesso vale per i loro valori e la loro visione del mondo: molti ISFJ continuano a mantenere le convinzioni e tradizioni con le quali sono cresciuti.

Anche per questo, gli ISFJ sono spesso visti come chiusi di mente e testardi.
In realtà sono più tolleranti di quanto molti credano.

Siccome la loro funzione dominante è di tipo percettivo, gli ISFJ sono più inclini alla subordinazione piuttosto che assumere un ruolo di controllo e dominante.
Ciò è comune soprattutto in ambiente lavorativo, dove gli ISFJ tendono ad essere degli ottimi collaboratori e lavoratori.

Nel tempo libero, la gran parte degli ISFJ sa come rilassarsi, una cosa che la controparte estroversa (ESFJ) fatica a capire.

Nella vita privata tendono a dipendere molto dalle persone a cui tengono, e difficilmente riescono a separarsene del tutto.
La grande dipendenza che possiedono li rende facilmente vulnerabili alle parole altrui.

Sono naturalmente portati a dare calore e sicurezza, pur avendo difficoltà ad esprimere o capire i propri sentimenti, nonostante siano forti e importanti per loro.

Sono estremamente leali, ligi al dovere e responsabili, ammirati per la loro perseveranza e la loro devozione, e con i piedi ben saldi per terra.

È molto importante per loro essere un esempio rispetto a ciò che dicono, oltre che a tenersi ben stretti i loro ideali e le loro convinzioni.

Gli ISFJ, tuttavia, hanno una grande intelligenza sociale.
In particolar modo, si interessano delle relazioni, si curano delle persone e fanno in modo che tutto vada per il verso giusto.

Sono compagni ed amici leali, soprattutto con persone che hanno uno stile di vita simile e una comune visione del mondo.

Questa tendenza interpersonale conferisce agli ISFJ una maggiore apertura mentale e una cordialità dolce e sensibile.
È per questo che gli ISFJ apprezzano la carriera nell'insegnamento, sia per il piacere che mettono nei rapporti umani che per l’interesse intellettuale che generalmente possiedono, nonostante a loro piaccia applicare ciò che imparano.

La differenza principale, rispetto alla loro controparte estroversa, sta nell’intensità delle relazioni: gli ISFJ sono tendenzialmente più cauti e timorosi, tendono a non aprirsi subito e a misurare il grado di coinvolgimento in una relazione.

In sostanza, gli ISFJ sono tra i più affidabili, dolci, onesti ed abitudinari tra i Tipi Psicologici.
Sono degli amici leali, compagni devoti, ammirati per la perseveranza e la fermezza che mettono tanto nelle relazioni quanto nel lavoro e nella vita privata.

La funzione dominante degli ISFJ

La funzione dominante è responsabile per il comportamento spontaneo di un individuo ed è intimamente legata al suo superpotere.
Tutte le cose che ci vengono naturali o per le quali "siamo portati" sono generalmente dominio della funzione dominante.

La funzione dominante degli ISFJ è il Sentimento Introverso (Si), che condividono con gli ISTJ.

La funzione Si è legata alla memoria e al passato.
Gli ISxJ sono molto legati a ciò che è successo prima di loro e usano questa informazione per navigare il mondo, costruire le loro consvinzioni e fare le loro scelte.

Preferiscono di gran lunga una vita routinaria e prevedibile, che fornisce loro sicurezza e tranquillità.
Di conseguenza, apprezzano le tradizioni e tendono ad essere conservatori.
Tendono inoltre ad essere molto leali.

Raramente un ISFJ si sentirà a suo agio nell’infrangere una regola, o nel deviare da un modo di fare prestabilito.
Se non sentono intimamente la necessità di cambiare un modo di fare, che sia personale o che sia una formalità, allora non lo cambiano.

Preferiscono di gran lunga sapere cosa aspettarsi, conoscere i piani nei minimi particolari.

Spesso gli ISxJ sono percepiti come chiusi mentalmente, testardi, o comunque sicuri delle loro idee in maniera molto rigida.

Gli ISxJ non ricercano continuamente nuove sensazioni, nuove esperienze o nuovi beni materiali... però sono molto inclini a giudicare la qualità delle esperienze che ricevono.
Questo perché, data la loro forte memoria, tendono a ricordare per sempre le loro esperienze e quindi prestano molta attenzione al far sì che esse siano positive.

Poiché si tratta di una funzione percettiva, gli ISFJ sono meno inclini ad essere degli attivisti in prima persona rispetto a ciò che professano, studiano o credono.
Preferiscono spendere del tempo a riflettere, specie sui fatti del passato e sulle convenzioni.

Molti ISFJ si prodigano in servizi o studi religiosi, attività in genere molto consone alla loro Si dominante.

Ad ogni modo, non significa che ogni ISFJ sia un fervente religioso: semplicemente, l’attività religiosa, di qualsiasi forma e natura, spesso è vista come "tradizionale e convenzionale", ed è spesso praticata da questo Tipo.

Un’altra caratteristica centrale della funzione Si è la consapevolezza del proprio corpo.
Gli ISxJ sono perfettamente consapevoli del funzionamento del proprio fisico, di ciò che necessita per essere soddisfatto e che segnali manda quando è turbato.

Gli ISxJ possono sentirsi molto più irritati rispetto agli altri Tipi se non si sentono fisicamente a loro agio, se sono malati, affamati o insonni.

Anche sensazioni normali possono essere molto amplificate, facendole mostrare quasi come segni di malattia (e ciò può condurre all’ipocondria).

Questa ipersensibilità conduce gli ISFJ a curare moltissimo l’ambiente di casa, per renderlo il più accogliente e adeguato possibile alle loro esigenze.

Gli ISxJ sono spesso considerati come conservatori (la gran parte delle persone di questo Tipo non cambia quasi mai opinione politica o religiosa, in virtù di quanto detto).

Gli ISxJ, inoltre, insieme agli ISTJ, ci ricordano su quali passi siamo già passati, tracciano gli errori del passato e ci aiutano a non ripeterli.

Ciò potrebbe sembrare molto limitativo, specie per gli N dominanti... ma forse sono questi ultimi ad avere la testa troppo tra le nuvole???

La funzione secondaria degli ISFJ

La funzione secondaria è responsabile per il comportamento critico di un individuo ed è intimamente legata al suo superpotere.
Tutti gli atteggiamenti critici o di avversione al rischio sono generalmente causati della funzione secondaria.

Il Sentimento Estroverso (Fe) è la funzione secondaria degli ISFJ, quella che principalmente si occupa di controbilanciare l’azione e i giudizi della dominante Si.

Gli ISFJ sono emotivi e si interessano molto agli altri, specialmente per quanto riguarda i sentimenti e le necessità emotive altrui.

La loro attenzione ai sentimenti è di tipo critico, diversa da quella degli ExFJ.
Infatti loro non ingaggeranno con le persone spinti da un desiderio di connessione, piuttosto si avvicineranno preoccupandosi che tutti stiano bene e che nessuno sia trascurato, offeso, o in pena.

Di conseguenza, specialmente con gli estranei, tendono ad essere formali sebbene affabili.
Con gli amici si aprono di più, mostrando la loro vera natura emotiva.

Sono molto empatici, e per loro è più facile capire le emozioni altrui piuttosto che le proprie.
Per questo motivo, quando hanno dei problemi, spesso cercano supporto e guida dagli altri.

Inoltre, la funzione ausiliaria è fondamentale per la loro naturale inclinazione all’insegnamento.
Infatti, mentre la funzione dominante (Si) dà loro la convinzione e l’organizzazione per trovare i metodi di fare le cose, nonché le nozioni e i dettagli da illustrare, il sentimento estroverso (Fe) riesce ad esprimere il tutto in modo chiaro e socialmente accettabile.

Va da sè che gli ISFJ prederiscono parlare di sentimenti ed emozioni che di idee o teorie.

La funzione terziaria degli ISFJ

La funzione terziaria è responsabile per il comportamento spontaneo ed ingenuo di un individuo ed è sia un forte tratto caratteriale che una debolezza.

Il Pensiero Introverso (Ti) è la funzione terziaria degli ISFJ.

Quando hanno la necessità di formulare un ragionamento, gli IxFJ utilizzano la logica, in un processo mentale deduttivo.

In questo caso, la logica viene utilizzata in modo positivo, genuino, quasi infantile, per far senso delle informazioni che acquisiscono e mantenere le loro esperienze organizzate in un modello decisionale basato su "vero o falso".

Certamente non posseggono un equipaggiamento mentale tale da competere con i superutenti Ti (xxTP).

Il lato logico degli IxFJ diventa evidente quando si contraddice uno dei principi di "verità" in cui credono... o se li si attacca dichiarandoli poco intelligenti.

La funzione inferiore degli ISFJ

La funzione inferiore è responsabile per le insicurezze di un individuo e per le sue più intime aspirazioni.
E' tale funzione che spesso ci ispira al cambiamento... cambiamento che però non sempre genera risultati con i quali siamo contenti.

La funzione inferiore degli ISFJ è l'Intuizione Introversa (Ne).

In virtù del fatto che la funzione Ne è l'ultima dell'Ego ISxJ, l'individuo ISxJ ha una scarsa capacità di immaginazione.
Questo si sposa perfettamente con la sua tendenza, quasi ossessiva, di controllare cosa è stato fatto in precedenza da altri o di seguire le legore prescritte dalla società.

Semplicemente, per loro, immaginare modi diversi di fare le cose richiede uno sforzo enorme... e quindi preferiscono non farlo.

Allo stesso modo, sono orintati verso il passato perché hanno difficoltà ad immaginare il futuro.

Un'altra conseguenza di Ne inferiore è la difficoltà di vedere le cose in un quadro d'insieme.
Gli ISxJ tenderanno a focalizzare sui dettagli, spesso trascurando completamente lo schema più grande delle cose.

Disturbi funzionali

Il Loop degli ISFJ

Il "loop" consiste nella atrofizzazione (o il mancato sviluppo) della funzione ausiliaria.
L'atrofizzazione può essere momentanea (generalmente collegata a stress) o permanente (segno di disturbi psicologici più gravi).

Quando è in loop, l'individuo ISFJ si ritrova a navigare la realtà con due funzioni introverse (Si e Ti) e praticamente nessuna funzione introversa a fungere da freno.

In un individuo ISFJ equilibrato, la funzione estroversa Fe agisce da arbitro tra le funzioni introverse Si e Ti, filtrando e rallentando i loro effetti.
In un loop, questo equilibrio si spezza.

L'ISFJ in loop diventa ossessionato con la logica, come strumento per capire le cose.

Come per gli altri tipi introversi, in questa situazione tende a chiudersi in sé stesso e ad evitare contatti con il mondo esterno.

Diventa particolarmente ossessionato nell'esaminare come le regole della società e le tradizioni si sposino con le sue credenze personali a riguardo di cosa sia vero o falso... e quale potrebbe essere il catastrofico effetto sulle sue teorie e sui sistemi in cui crede.

In questa situazione, gli ISFJ in loop tendono a rivivere i propri errori, cose accadute in passato, ossessionandosi con i dettagli e giudicandosi duramente.

Quando sono in questo stato sono talmente investiti a pensare al passato che si dimenticano totalmente delle altre persone. diventano miopici ed egoisti.

Come uscire dal loop
L'unico modo per uscire dal loop è concentrarsi sulle funzioni che vengono trascurate.
L'INTP ha bisogno di avvicinarsi al mondo estroverso, ovvero ripristinare l'utilizzo della funzione Ne e ricominciare a fare affidamento sugli stimoli esterni.

Per uscire dal loop, l'ISFJ ha bisogno di ricordarsi che ha un futuro da vivere e che ci sono altre persone che hanno bisogno di lui.
Deve distrarsi dal pensare e dall'autocriticarsi.

E' salutare riconnettere con amici e persone fidate ed interagire con loro focalizzando sulle esigenze altrui, piuttosto che sui propri problemi.

Parlare di sentimenti, emozioni, può aiutare l'indivuduo ISFJ a riconnettere con la sua Fe ed interrompere il loop.

Il Grip degli ISFJ

Il "grip" consiste in un tentativo di affrontare le situazioni utilizzando la funzione inferiore come se fosse l'unico strumento disponibile.
Da non confondere con l'uso aspirazionale della funzione inferiore, il grip è un tentativo (di solito disperato) dai risultati deleteri per l'individuo e per la situazione in questione.

Un ISFJ stressato ed in grip, si comporterà come un ENTP malsano (il suo Subconscio).

La funzione inferiore Ne prende il sopravvento e porta gli ISFJ a preoccuparsi in modo eccessivo di ciò che potrebbe accadere, specialmente in relazione alle persone che li circondano.

Ovviamente questo porta l'individuo ISFJ in uno stato in cui diventa molto difficile prendere delle decisioni.

Quando in grip, gli ISFJ:

  • vengono fuori con possibilità irrealistiche nella speranza di risolvere un problema;
  • catastrofizzano il destino imminente e percepiscono il pericolo ovunque;
  • si preoccupano di tutte le cose che potrebbero andare storte;
  • si sentono confusi, ansiosi, in preda al panico e distratti;
  • diventano più impulsivi e sono insolitamente spontanei;
  • perdono la capacità di tenere traccia dei dettagli;
  • diventano meno responsabili del solito;
  • hanno un umorismo sarcastico e cinico.

Pensi di essere un ISFJ?

Fai il nostro test per fugare ogni dubbio...

Vai al Test